I suoi Scritti Poesie Addio (1951)

Addio (1951)




Addio tenero sguardo
che accarezzò la mia malinconia.
Addio, mano leggera
che sfiorò la mia antica angoscia.
Addio, sempre addio, ogni giorno,
rivedersi, guardarsi negli occhi
e cogliersi per un attimo
un amore profondo nascosto
dietro muraglie di timori e di comportamenti.
Parti, ma la tua presenza è qui,
dove ho ritrovato le tue lacrime
nei miei occhi.
Il tocco lieve della tua mano
si allontana lentamente nell'aria.
Chi sfiorerà la mia tristezza?


FRANCESCO GUERRIERI (1951)