I suoi Scritti Poesie Ricordo romanesco (1950)

Ricordo romanesco (1950)



Lì, t'aricordi, quella mattina...
Uscimmo un'ora prima da la scola
Io nun t'avevo visto mai, prima d'allora.
Che occhi che ciavevi, de smeraldo.
Me li potessi ancora rivedè...
Vorrei che fuss'ancora quer mattino
de primavera,
quando stando vicini passo passo
ce n'annammmo cor sole 'nfino al Foro,
così, tanto pe' anna' a spasso.
Ma come me sentivo dentr'ar core
quella matina che nun torna più...

Mò sò passati i giorni,
e sò passati i mesi
e passeranno l'anni...
l'amore nostro se ne è annato via
come si fosse fumo
pe' anna' in cielo.
Me resta solo questa nostalgia:
me vo' fa piagne
e io je dico: "No..."


FRANCESCO GUERRIERI (1950)